Primo appuntamento: non googlare il suo nome!

0
169
Credits foto: Unsplash

Prima di incontrare qualcuno conosciuto su un’app di dating, cerchi su Google ogni informazione possibile e immaginabile su suo conto, lamentandoti se per caso ha i profili social privati? Se sì, sei nella maggioranza. Secondo un sondaggio di Statista, il 55% delle persone digita il nome del proprio flirt sulla barra di ricerca prima di incontrarlo, mentre il 60% scorre il suo feed social. Solo il 23% delle persone intervistate afferma di non trasformarsi in un detective.

Ma si sa, solo perché qualcosa è comune non lo rende necessariamente buono. Se ti stai chiedendo se dovresti o meno seguire la folla in questo caso, sei nel posto giusto. Di seguito, tre esperti di relazioni affrontano i pro e i contro del conoscere il tuo flirt online prima di incontrarlo offline.

Ovviamente non esiste una risposta universale

Come con la maggior parte degli enigmi sul sesso e sugli appuntamenti, la risposta a “Devo cercare su Google il mio match?” non è un sì o un no universale. Non è esatto dire che Google è sempre cattivo o sempre buono, afferma Jesse Kahn, terapista sessuale e direttore del Gender & Sexuality Therapy Center di New York. “Ciò che conta qui è la tua motivazione”. Quale emozione ti sta guidando a fare questa ricerca? Paura e scetticismo? Curiosità? Eccitazione? Nervosismo?

Sapere con quali intenzioni stai facendo la ricerca prima di iniziare è prezioso, afferma il professionista della salute mentale Jor-El Caraballo, esperto di relazioni e co-creatore di Viva Wellness. In questo modo saprai quando avrai trovato quello che stai cercando.

Il vantaggio principale di una ricerca rapida: sicurezza

“Gli appuntamenti online sono cresciuti in modo esponenziale, così come il numero di catfishers potenzialmente pericolosi”, afferma Megan Harrison, terapista relazionale di Tampa Bay e fondatrice di Couples Candy. Almeno 18 mila persone sono state vittime di una “frode romantica” nel 2018 negli Stati Uniti, secondo l’FBI. Googlare potrebbe aiutarti a evitare che uno di questi impostori ti adeschi, verificando che sia davvero chi dice di essere.

Sebbene questi controlli possano aiutarti a ottenere un po’ di tranquillità, Caraballo ti esorta a guardarti dentro e valutare se hai o meno motivo di sospettare di questa persona. “C’è qualcosa in particolare che ti preoccupa? Se è così, ciò che leggi su Internet ti aiuterà davvero a placare i tuoi dubbi?”.

Se c’è qualcosa in particolare che ti preoccupa, “fidati del tuo istinto”, dice Kahn. “Non accettare di incontrare qualcuno a meno che tu non sia assolutamente sicura che sia chi afferma di essere, e ti senti a tuo agio nel farlo”.

È una buona idea chiedere a qualcuno che hai incontrato online di condividere il suo profilo Instagram con te, in modo da ottenere quella rassicurazione di base, afferma Caraballo. La parola chiave qui è: chiedere. Piuttosto che fare il detective, chiedi direttamente a lui, se hai qualche dubbio.

Puoi anche chiedergli di fare una veloce videocall prima di accettare di incontrarlo di persona. Questo ti permette di fare un controllo delle vibrazioni e offre anche una conferma visiva diretta che la persona è come sembra.

Ed è importante ricordare che non c’è modo di garantire la sicurezza a un appuntamento. Per cominciare, i profili online di molte persone sono accuratamente selezionati per proiettare un’immagine specifica, “quindi scorrere i social media non è il modo più accurato per determinare una persona né le sue caratteristiche”, afferma Harrison.

Per la tua sicurezza, è anche una buona idea dare ad almeno due amici (locali) e familiari l’itinerario del tuo appuntamento, oltre a condividere la tua posizione con qualcuno sul tuo telefono, prima di incontrare un match.

Può aiutarti a notare eventuali incompatibilità evidenti

“Una piccola ricerca online può aiutarti a fornire informazioni sui valori o le opinioni politiche e religiose di una persona”, afferma Harrison. Potresti accorgerti se hanno atteggiamenti con cui non sei affatto d’accordo, specialmente nel caso in cui non offrono molte informazioni sul loro profilo.

Ma invece che solo curiosare online, fai anche conversazione. È assolutamente ok fare determinate domande per conoscersi meglio: “Il dating significa imparare di più su qualcuno e farsi conoscere. Fare domande ed essere curioso fa parte della dinamica”.

Ma non c’è alcun vantaggio nell’indagare troppo

Una piccola ricerca può essere rassicurante, “ma può essere decisamente inquietante se scavi troppo in profondità”, dice Harrison. “Se ti ritrovi a memorizzare le precedenti destinazioni di vacanza di un potenziale corteggiatore o i nomi di tutti i suoi amici, allora è un segno che probabilmente sei andata troppo oltre”.

Imparare troppo su qualcuno prima di incontrarlo offline ti priva anche dell’opportunità di lasciare che si presentino a te. Non solo, ma potresti anche sovrapporre significati, supposizioni e narrazioni a ciò che apprendi che possono essere accurate come anche no, dice Kahn. “E questi presupposti imprecisi potrebbero influenzare il modo in cui pensi e parli alla persona”. In altre parole, potresti finire per autosabotarti con la tua immaginazione!

Inoltre, un’immersione profonda può anche portare a una dinamica di potere non necessaria (e imbarazzante) in cui qualcuno sa molto di più sull’altra persona che viceversa. E potresti mettere l’altro nella posizione di doversi difendere da un fuoco incrociato di domande su cose di cui non ricorda nemmeno. Insomma, potresti passare da curiosa a stalker in un secondo!

Ricorda: la tua ricerca non racconterà tutta la storia

A meno che non impari qualcosa che ti fa dubitare della tua sicurezza, “è importante prendere ciò che trovi con le pinze”, dice Harrison. “Una foto o un tweet racconta solo una parte di una storia, ti mancherà sempre un grosso pezzo del puzzle”.

Insomma, fintanto che hai un buon istinto viscerale, “dovresti davvero consentirgli l’opportunità di fare la sua prima impressione di persona perché avrai un’idea molto migliore di chi è qualcuno solo vedendolo dal vivo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here