Gli occhi golosi e curiosi di Sandra Milo

0
309
Intervista a Sandra Milo

Attrice, musa ispiratrice e grande amore di Federico Fellini, protagonista del cinema italiano degli anni sessanta, la sua vita è guidata dall’Amore.

Se ti dico gourmand eyes, così senza pensarci, a cosa li associ?
Alla curiosità, che nasce dalla curiosità.

Occhi golosi, curiosi… i tuoi sono occhi che hanno visto tante persone, tante situazioni, tante storie palesi e segrete. Oggi, di cosa sei golosa, curiosa?
Sempre delle storie umane: mi piacciono, mi interessano e sono golosa di comprensione, perché la conoscenza ti porta a contatto con esseri umani, ma non significa niente se non riesci a comprenderli, bisogna sempre capire le ragioni degli altri.

Amore, cibo, vino: in ordine di preferenza, parliamone!
Primo assoluto, distanziato da tutto il resto, l’amore, non potrei vivere senza, la ragione di vita e di molte cose la trovo nell’amore, senza questo non sarei capace di vivere, per fortuna lo conosco, l’amore tanto forte. Ha molte forme, non solo l’uomo che ami, i figli, gli amici, le case, le piante, amo moltissimo gli alberi, anche questa è una forma di amore. Riesco a trovarlo fresco dentro di me, pronto a riversarsi su qualsiasi cosa mi piaccia. Il cibo? Mi piace ben cucinato, ben dosato, dove non prevale mai un sapore unico. Il vino me lo riservo in una prossima vita, non ho mai voluto bere, forse perché ho visto tante gente dipendente.

L’amore è il sesso? Il sesso è l’amore?
No, sono due cose separate, si può fare sesso senza amore e amore senza sesso. Quando unisci l’amore al sesso è sublime.

Un’esperienza d’amore che vuoi raccontare.
Di amori ne ho uno che è durato tutta una vita, che va anche oltre la vita e la morte, rimane una forma di energia intorno a noi, Federico (ndr Fellini) non mi manca perché io ce l’ho dentro, l’ho conosciuto, ho conosciuto l’amore infinito, sono una privilegiata, queste sensazioni rimangono dentro per sempre e te le porti, fresche, come quando eri con lui, quando tremavi solo al vederlo, ti tremavano dentro tutte le emozioni.

Un’esperienza di sesso da condividere con i lettori.
Il sesso è sesso puro e basta, una sensazionale emozione, soddisfare qualcosa che abbiamo dentro di noi e può essere bellissimo, non ho mai disprezzato il sesso.

Il sesso è stato come te lo eri immaginato da piccola? Meglio, peggio?
Me lo immaginavo, che potesse essere così, molto forte e molto intenso e così è stato. È una delle sensazioni fisiche più naturali e forti dell’uomo, la mente non c’entra, è una cosa fisica istintiva naturale. Mai avuto problemi a soddisfarlo, mi sembrava una giusta esigenza.

L’amore muove il mondo. Scaccerà anche il corona virus?
Certo! Io ho vissuto la seconda guerra mondiale; trovo terribile adesso le persone che muoiono sole, ma ho visto orrori più profondi, ragazzi e bambini morire sotto le bombe, ci sono tragedie più grandi, ma questo è un nemico infido, non sai come evitarlo, con le bombe almeno ci provavi, lì eri attivo, cercavi di scansarle, qui siamo assolutamente passivi.

Tu sei una che ama cucinare e mangiare, il cibo può essere sensuale?
Il cibo è il principio di una vita, specialmente per noi donne, abituate a nutrire i nostri figli, cibo è amore, donazione, adesso non ci facciamo caso, ma era bello quando si diceva una preghiera prima di mangiare ringraziando Dio, chi lo fa dona la vita. Io non ho mai fatto una grande mangiata prima di fare sesso, perché a me dopo mangiato viene un gran sonno!

Hai mai conquistato un uomo con il cibo?
Mai il primo appuntamento a cena a casa tua, che è un luogo sacro, intimo. La conquista, che tocca a lui, si fa in un bel ristorante!

Cucinare insieme ad un uomo può essere erotico?
Ci sono delle cucine che sono rassicuranti, che predispongono alla calma e serenità, come riso, burro e formaggio, poi cucine che ti esaltano per sapori forti e piccanti ed eccitano la tua energia, se non la raddoppiano, quasi… dipende dal partner che abbiamo davanti! Riso burro e formaggio con un vecchio marito pantofolaio, spaghetti al peperoncino con un giovane amante!
Io ho due peccati gravissimi: non conosco il vino e la musica classica, mi dispiace molto, perché capisco che è un piacere infinito. Conosco i vini dal profumo, che mi piace moltissimo, uno dei più inebrianti belli e ricchi che ci siano al mondo. Però non provo a berlo, ho una forma di rifiuto, probabilmente qualcuno dei miei antenati ha molto sofferto per aver esagerato con l’alcol e mi ha lasciato dentro particelle del suo dna. Ho orrore delle dipendenze, l’unica dipendenza che tollero è quella dalla famiglia.

Mangeresti ad occhi chiusi?
No, assolutamente no, perché voglio essere consapevole sempre di quello che faccio.

La cosa più divertente o più folle che hai fatto per amore?
Non me la ricordo, ho sempre preso l’amore molto sul serio!

Cibo del cuore, bevanda del cuore, uomo del cuore.
Cibo, la pasta col pomodoro, la mangio anche sul pane, il sugo di pomodoro con il suo squillante color rosso è così erotico! La mangio tutti i giorni.
Bevanda, adoro l’acqua, non è tutta uguale, ha sapori diversi, dolce amara salata, una gamma infinita, mi piace l’acqua leggermente dolce e lievemente frizzante. Elemento straordinario, se non ci fosse l’acqua da bere sarebbe terribile. Ogni volta che ne bevo un bicchiere, provo un grandissimo piacere, si vede che sono una che si accontenta di poco!
Uomo? Intelligente e con la capacità di farmi ridere, detesto le persone lugubri e tristi.

Capelli dorati come il grano, pelle di pesca, labbra come susine… continua tu.
Mi piacerebbe avere le braccia come mia madre, che erano molto belle e profumavano di rosa.

Cosa vorresti davanti agli occhi, ADESSO?
Vorrei una bella tazza di crema, me la mangerei volentieri! Però la crema è un dolce difficilissimo da fare, pochi sanno farla buona, la rovinano con sapori strani; la faceva molto bene mia nonna. Ecco, vorrei una bella tazza di crema, ancora tiepida, appena fatta con amore dalla nonna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here